#Avatar : The Way Of Water il nuovo film di James Cameron

Avatar è l’ultimo capolavoro di Cameron grazie anche ai potenti mezzi della Disney che apre la nuova stagione di ritorno al cinema dopo due anni di pandemia con tutte le “armi” che possiede la Disney. Di questo dobbiamo darlene atto con gratitudine perché è un bel sospiro di sollievo per le sale cinematografiche ultimamente disertate dagli spettatori. Solo in Italia sono oltre il migliaio le copie di distribuzione con molte in 3D. I temi trattati nel nuovo attesissimo film dopo il debutto nel 2009 sempre dal regista sono lodevoli perché pregnanti

SPECIALE #Berlinale72 Goes Open Air

Le recensioni di Giovanni Ottone Buone notizie per gli appassionati di cinema: dal 15 al 29 giugno, la Berlinale presenterà gli highlights del festival del programma di febbraio in un'atmosfera estiva all'aperto. In collaborazione con cinque cinema all'aperto di Berlino e i distributori dei film, nel corso di 15 serate verranno proiettati film di varie sezioni della Berlinale. Berlinale Goes Open Air combina la tradizione della Summer Berlinale (dal 2003) con il concetto di Berlinale Goes Kiez, uno dei preferiti dal pubblico. I film saranno introdotti dai direttori del festival o

SPECIALE #BERLINALE72 a Parigi

La recensione di Coma a cura di Giovanni Ottone La Berlinale sarà ospite a Parigi all’interno della manifestazione che si svolgerà dall'11 maggio al 3 luglio 2022 presso il centro artistico e culturale parigino Centre Pompidou presenterà un importante programma interdisciplinare sulla produzione culturale a Berlino. Intitolato "Berlin, nos années 20", includerà proiezioni di film, spettacoli teatrali, concerti, mostre e tavole rotonde che inviteranno i visitatori a esplorare ciò che fa davvero battere la Berlino nei nuovi anni '20. Anche la Berlinale fa parte di “Berlin, nos années 20”: a cura del

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #32 (DAY 8): Nostalgia di Mario Martone

nostalgia-martone-cannes

Napoli in tutto il suo splendore – Nostalgia – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Napoli. Una città della quale si sente fortemente la mancanza. Soprattutto quando si tratta della propria città natale, dalla quale si è stati lontano per molti e molti anni. Tali forti sentimenti nei confronti della capitale partenopea sono stati messi in scena da Mario Martone nel suo lungometraggio Nostalgia, tratto dall’omonimo romanzo di Ermanno Rea e in corsa per la

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #31 (DAY 8): Nos Frangins di Rachid Bouchareb

nos-frangins-bouchareb-cannes

Un forte desiderio di giustizia – Nos Frangins – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Nel dicembre 1986 – quando al governo c’era Jacques Chirac – si sono verificati, a Parigi, dei fatti piuttosto gravi: durante alcune manifestazioni studentesche in seguito a una riforma del sistema scolastico e universitario, Abdel Benyahia, un ragazzo di vent’anni, è stato ucciso da un poliziotto ubriaco. Successivamente, anche il giovane Malik Oussekine è stato picchiato a morte da tre

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #30 (DAY 8): The natural History of Destruction di Sergei Loznitsa

the-natural-history-of-destruction-cannes

La Seconda Guerra Mondiale da tutti i punti di vista – The natural History of Destruction – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Il regista e documentarista ucraino Sergei Loznitsa è noto per il minuzioso lavoro d’archivio compiuto prima della realizzazione di ogni suo film. Filmati e mmagini di repertorio, sapientemente montati l’uno con l’altro e legati semanticamente tramite un uso delle musiche che si fanno attrici essenziali nel raccontare ciò che il cineasta ha

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #28 (DAY 7): Decision to leave di Park Chan-wook

decision-to-leave-cannes

Omicidi e amori impossibili – Decision to leave – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Un altro grande nome presente, in concorso, a questa 75° edizione del Festival di Cannes è il celebre regista coreano Park Chan-wook. In questa occasione, infatti, il cineasta ci ha regalato Decision to leave, un raffinato giallo con un’appassionata storia d’amore sullo sfondo, che non disdegna nemmeno di una gradita, velata ironia. Il cadavere di un uomo – probabilmente precipitato durante

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #27 (DAY 7): Burning Days di Emin Alper

burning-days-alper-cannes

Solo contro tutti – Burning Days – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Il potere. La corruzione. I diritti umani che mai vengono rispettati e un forte, fortissimo desiderio di giustizia. Nel suo ultimo lungometraggio – Burning Days, presentato in anteprima mondiale alla 75° edizione del Festival di Cannes, all’interno della sezione Un certain Regard – il regista turco Emin Alper ha messo in scena tutto ciò dando vita a un thriller complessivamente soddisfacente, in

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #26 (DAY 7): Crimes of the Future di David Cronenberg

crimes-of-the-future-cronenberg-cannes

Arte, chirurgia e mutazioni – Crimes of the Future – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Grande attesa al Festival di Cannes 2022 per Crimes of the Future, ultima fatica del regista canadese David Cronenberg, qui in corsa per la tanto ambita Palma d’Oro. In questo suo importante lungometraggio, Cronenberg ha ripreso, dunque, un discorso iniziato già negli anni Settanta, percorrendo un’ulteriore tappa di un processo iniziato più di cinquant’anni fa, in cui il corpo

SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #24 (DAY 6): Syk Pyke di kristoffer Borgli

syk-pyke-borgli-cannes

Successo e voyeurismo – Syk Pyke – la recensione di Marina (da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes) Il desiderio di visibilità e di successo. Ciò che abbiamo da offrire e che gli altri si aspettano da noi. E ancora, il malato voyeurismo e la particolare attenzione verso i drammi umani. Syk Pyke, graffiante commedia nera diretta dal regista norvegese Kristoff Borgli e presentata in anteprima mondiale in occasione della 75° edizione del Festival di Cannes, all’interno della sezione Un

Top