#BERLINALE 74ma Ed. 15/25 febbraio 2024 SPECIALE #5 (DAY 3)

  Lo sguardo critico di Vittorio De Agrò dallo Zoo Palast su #Panorama, #Forum e #Generation (da Berlino Luigi Noera con la gentile collaborazione di Maria Vittoria Battaglia e Vittorio De Agrò - Le foto sono pubblicate per gentile concessione della #BERLINALE) #Faruk di Aslı Özge presentato nella sezione #Panorama Sinossi: Faruk, che ha più di 90 anni, diventa sempre più il protagonista del film che sua figlia sta girando sull'imminente demolizione del suo condominio a Istanbul. Una storia sulla gentrificazione e su una complessa relazione padre-figlia. Recensione: Capita spesso che finzione e realtà  si mescolino,

Direttamente da #Cannes La Natura dell’ Amore di Monia Chokri

Sinossi: La Natura dell'Amore, film diretto da Monia Chokri, presentato a #Cannes nella sezione UCR con il titolo Symple Comme Sylvain racconta la storia di Sophia (Magalie Lépine Blondeau), una professoressa di filosofia di Montreal, proveniente da una famiglia benestante, che ha una relazione con Xavier (Francis-William Rhéaume) da ben dieci anni. I due vivono una relazione ormai giunta la termine, infatti dormono anche in camere da letto diverse. Quando i due decidono di sistemare alcune cose in casa, la donna incontra Sylvain (Pierre-Yves Cardinal), la sua vita viene completamente sconvolta.

#PovereCreature (Poor Things) di Yorgos Lanthimos

Inquieta e diverte, #PovereCreature, trascinando lo spettatore in un universo (o meglio, tanti universi) dove la carne, il corpo, si presta alla creazione, come fosse una tela bianca Lanthimos continua il suo viaggio ai confini dell’assurdo, indagando con uno sguardo distorto, elegantemente estetizzato dall’uso dell’obiettivo fish-eye (già fetish del regista ne La favorita). Povere Creature tocca tanti temi - il suicidio, la creazione, la solitudine, l’identità, la violenza domestica, il rapporto uomo-donna… il sesso. E se anche riconosciamo il tocco del regista, il vero “pennello” che colori, scenografie e silhouettes ci suggeriscono

#Ilpuntodirugiarda di Marco Risi

 “Il punto di rugiada” è un invito  a ricordarsi dei propri “vecchi” prima che sia troppo tardi e trascorrendo del tempo con loro , perché nonostante tutto sono e saranno sempre persona pronte ad ascoltarci con affetto. #Ilpuntodirugiarda è un film diretto da Marco Risi, sceneggiatura : Riccardo De Torrebruna, Francesco Frangipane, Marco Risi, con : Massimo De Francovich, Eros Pagni, Luigi Diberti, Alessandro Fella, Roberto Gudese, Lucia Rossi, Gloria Coco, Marcello Arnone, Erika Blanc, Elena Cotta. Sinossi: Il Punto di Rugiada, film diretto da Marco Risi, racconta la storia di Carlo(Alessandro

Mimì – Il principe delle tenebre al #33NOIRFF

Brando De Sica racconta la “sua” Napoli, la sua città di “vampiri” Mimì – Il principe delle tenebre,che verrà presentato al 33 NOIR FF, in anteprima  l’opera prima di Brando De Sica trasporta lo spettatore in un realismo magico che si nutre anche di richiami espressionisti ma dove lo slancio horror sfocia in un’esagerata violenza sanguinolenta. Mimì è un pizzaiolo napoletano dal viso angelico e i piedi deformi. Il suo difetto fisico lo rende bersaglio costante dei camorristi, che sono soliti frequentare la pizzeria dove lavora nelle ore notturne, dopo la

#FdP64 04 – 12/11/2023 SPECIALE #3: (DAY 8) I PREMI

(da Firenze  Luigi Noera con la gentile collaborazione di Valentina Vignoli - Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival dei Popoli) “The Buriti Flower” di João Salaviza e Renée Nader Messora, racconto della lotta per la libertà del popolo indigeno brasiliano, è il miglior documentario del 64° Festival dei Popoli #FdP64 "The Buriti Flower” di João Salaviza e Renée Nader Messora (Portogallo, Brasile, 2023) è stato presentato all'ultimo Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard. E' il racconto del popolo indigeno brasiliano dei Krahô nella foresta amazzonica, continuamente minacciato dal mondo

#ROMAFF18 – 18- 28/10/2023 SPECIALE #29: (DAY 11) – I PREMI

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Stefano Sica e Valentina Vignoli - Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Fondazione Cinema per Roma) Paola Cortellesi fa il pieno al botteghino ed alla Festa! A partire dalla scorsa edizione, la Festa del Cinema di Roma è stata ufficialmente riconosciuta come Festival Competitivo dalla FIAPF (Fédération Internationale des Associations de Producteurs de Films). A seguire, tutti i riconoscimenti assegnati sabato 28 ottobre, nel corso della cerimonia di premiazione che si è svolta alle ore 17 presso la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco

#ROMAFF18 – 18- 28/10/2023 SPECIALE #20: (DAY 9) : FELA, IL MIO DIO VIVENTE di Daniele Vicari – La recensione di VALENTINA

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Stefano Sica e Valentina Vignoli - Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Fondazione Cinema peri Roma) Dalla sezione FREE STYLE ARTS: FELA, IL MIO DIO VIVENTE di Daniele Vicari, Italia, 2023, 90’ | Doc | un occhio attento alla contemporaneità, creando ritorni storici interessanti che scatenano riflessioni, a ritmo dell’afrobeat Un bel ritmo che sposa bene il contenuto di questo documentario. Partendo dalla passione per la musica di Fela Kuti, cantante e attivista nigeriano, Vicari ci porta negli anni ’80, seguendo

#ROMAFF18 – 18- 28/10/2023 SPECIALE #19: (DAY 9) COTTONTAIL di Patrick Dickinson – La recensione di VALENTINA

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Stefano Sica e Valentina Vignoli - Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Fondazione Cinema peri Roma) Dalla sezione GRAND PUBLIC il film COTTONTAIL di Patrick Dickinson, Regno Unito, Giappone, 2023, 94’ | Opera prima |   che racconta il lutto, tra paesaggi inglesi e mercati giapponesi Con tenerezza e delicatezza, il regista Patrick Dickinson racconta il lutto, tra paesaggi inglesi e mercati giapponesi. Dopo la morte della moglie Akiko, Kenzaburo intraprende un viaggio per andare a spargere le sue ceneri in Inghilterra, nel

#ROMAFF18 – 18- 28/10/2023 SPECIALE #17: (DAY 8) CENTO DOMENICHE di Antonio Albanese – La recensione di VALENTINA

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Stefano Sica e Valentina Vignoli - Le foto sono pubblicate per gentile concessio ne della Fondazione Cinema peri Roma) Dalla sezione GRAND PUBLIC: CENTO DOMENICHE di Antonio Albanese, Italia, 2022, 94’  che sorprende tutti con questo film dai toni grigi Il termine latino insomnia si riferisce non alla mancanza di sonno ma alla mancanza di sogni. Antonio Riva, il protagonista di questo dramma sociale contemporaneo, ha messo da parte i risparmi di una vita con uno scopo particolare: organizzare il matrimonio della figlia. Divorziato,

Top