SPECIALE #CANNES75 – 17-28 Maggio 2022 #23 (DAY 6): Les Amamdiers di Valeria Bruni Tedeschi

les-amandiers-bruni-tedeschi-cannes

Sogni e drammi di giovani attori agli inizi degli anni Ottanta – Les Amandiers – la recensione di Marina

(da Cannes Luigi Noera e Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione del Festival di Cannes)

Secondo lungometraggio da regista dell’attrice Valeria Bruni Tedeschi, Les Amandiers – presentato in anteprima mondiale, in concorso, alla 75° edizione del Festival di Cannes – si è rivelato una piacevole sorpresa all’interno della celebre manifestazione cinematografica.

Estremamente intimo e personale, il film mette in scena le vicende di Stella (una straordinaria Nadia Tereszkiewicz), una ragazza di vent’anni, che, all’inizio degli anni Ottanta, insieme a molti suoi altri coetanei, entra a far parte di un’esclusiva scuola di teatro a Parigi, con la finalità di fare dapprima uno stage a New York, poi, una volta di nuovo in Francia, di iniziare a esibirsi nei primi spettacoli teatrali messi in scena da alcuni insegnanti della scuola stessa.

L’ansia per i provini, i primi amori, i primi, importanti drammi personali e, non per ultimo, il problema dell’AIDS, che in quegli anni si diffondeva molto facilmente tra i giovani, vengono messi in scena da Valeria Bruni Tedeschi in un film fresco, sognatore ma realista allo stesso tempo. Un film in cui gli anni Ottanta, con tutti gli importanti cambiamenti socio-culturali che portavano con sé, fanno da contesto perfetto per non una, ma tante storie che si intrecciano, che si influenzano a vicenda. Storie di crescita personale e di primi – spesso anche dolorosi – confronti con il mondo degli “adulti”. Ritratti di anni cruciali che cambieranno per sempre le vite dei protagonisti.

Sincero e appassionato, Les Amandiers vede al proprio interno una serie di personaggi (alcuni dei quali, in particolar modo per quanto riguarda Adèle, la migliore amica di Stella, avrebbero necessitato di un maggior approfondimento, data la loro verve), ognuno con i propri sogni e problemi, ognuno con una ben marcata personalità.

Les Amandiers ovviamente vede al proprio interno momenti fortemente drammatici e, allo stesso modo, tratta questioni anche piuttosto spinose (oltre all’AIDS, viene fatto anche un’importante discorso sul consumo di droghe e su come le stesse contribuiscano ad amplificare le insicurezze e quel senso di spaesamento provato da chi è più vulnerabile), senza mai risultare ridondante o didascalico, ma regalandoci un variopinto e variegato affresco degli anni Ottanta visti dalla prospettiva di chi per la prima volta si trovava a fare i conti col “mondo esterno”, oltre a personaggi indimenticabili, incredibilmente vivi e pulsanti. Una piacevole sorpresa all’interno del concorso di questo Festival di Cannes 2022.

Marina Pavido

Lascia un commento

Top