Bohemian Rhapsody – le recensioni di Marina Pavido: Freddie rivive per i suoi fan grazie a Bryan Singer

Nelle sale italiane dal 29 novembre, Bohemian Rhapsody è l'ultimo, attesissimo lavoro del regista Bryan Singer, nonché biopic del compianto Freddie Mercury, leader del gruppo musicale The Queen. Il presente lavoro - prodotto da Brian May - segue per quindici anni la nota rock band inglese, dalla sua formazione nel 1970, fino al celebre Live Aid Concert del 1985, concentrando la sua attenzione proprio sulla figura di Mercury, impersonato per l'occasione dal giovane Rami Malek, il quale, oltre ad aver ottenuto una straordinaria somiglianza fisica con il cantante - con un

SPECIALE #RIFF2018 – le recensioni di Marina Pavido: La Partita di Francesco Carnesecchi

(da Roma Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione del RIFF 2018) Presentato in anteprima al Riff 2018, La Partita è l’opera prima del giovane regista Francesco Carnesecchi, tratta da un suo precedente cortometraggio. Questa è la storia di una piccola squadra di Roma Sud, che, pur esistendo da diversi anni, come la didascalia iniziale sta ad affermare “non ha mai vinto un cazzo”. La storia di una squadra piccola piccola che, tuttavia, non è riuscita a evitare che i piccoli criminali del posto approfittassero per trarre loschi vantaggi economici a scapito di

XXIV edizione MEDFILM FESTIVAL – Le recensioni: Sofia di Meryem Ben M’barek

Vincitore del premio per la miglior sceneggiatura nella sezione 'Un certain regard' a Cannes, 'Sofia' è il primo lungometraggio della regista marocchina Meryem Ben M'barek, cresciuta tra il Belgio e la Francia. Lo vediamo nella sezione 'Amore e Psiche' del concorso ufficiale della 24ma edizione del Medfilm festival a Roma. Il film racconta le difficoltà di una giovane marocchina di vent'anni rimasta incinta fuori dal matrimonio. Sofia vive con la sua famiglia a Casablanca, la sua è una gravidanza negata che la porterà a partorire un figlio fuori dal matrimonio e per questo

SPECIALE #RFF13 #11– 18/28 OTTOBRE 2018 (DAY 10): Dalla sezione autonoma di Alice nella Città una storia anarchica

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido e Corinne Quadarella - Le foto sono pubblicate per gentile concessione di Roma Film Fest)  Alice nella Città 16^ Edizione – le recensioni di Corinne Quadarella: Soledad di Augustina Macri La vera storia di Soledad Rosas, interpretata splendidamente da un'intensa Vera Spinetta, ci fa rivivere una brutta pagina di cronaca quasi dimenticata. Ispirato dal libro 'Amore e anarchia' dell'argentino Martin Caparros, la regista (figlia dell'attuale presidente argentino) nella sua opera prima ci racconta un'ingiustizia nel modo più schietto e imparziale seppur con

SPECIALE #RFF13 #10– 18/28 OTTOBRE 2018 (DAY 2) – le recensioni di Marina Pavido: The House with a Clock in Its Walls

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione di Roma Film Fest) Presentato in anteprima alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma – all’interno della Selezione Ufficiale – Il Mistero della Casa del Tempo è l’ultima fatica del celebre regista statunitense Eli Roth. È la storia, questa, del piccolo Lewis, il quale rimasto orfano di entrambi i genitori, andrà a vivere a casa del bizzarro zio, fratello di sua mamma. L’uomo, sempre a stretto contatto con un’altrettanto singolare vicina di

SPECIALE #RFF13 #06 – 18/28 OTTOBRE 2018 (DAY 5) – Le recensioni di Marina Pavido: The Hate U Give

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione di Roma Film Fest) Presentato in anteprima italiana alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, The Hate U Give (titolo in italiano Il Coraggio della Verità), presentato all’interno della Selezione Ufficiale, è l’ultimo lavoro diretto da George Tillman Jr. e tratto dall’omonimo romanzo di Angie Thomas. Questo singolare young adult dai chiari rimandi al cinema di Spike Lee ci racconta la storia di Starr (Amandla Stenberg), adolescente di colore che assiste all’uccisione

SPECIALE #RFF13 #05– 18/28 OTTOBRE 2018 (DAY4) – le recensioni di Marina Pavido: THE MISEDUCATION OF CAMERON POST

(da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione di Roma Film Fest) Presentato in anteprima italiana alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, all’interno della Selezione Ufficiale, La Rieducazione di Cameron Post, opera seconda della giovane regista statunitense Desiree Akhavan è un piccolo lungometraggio che punta a raccontare una storia come tante, senza voler a tutti i costi  strafare. Da sempre appassionata di vicende che si svolgono all’interno di case di riabilitazione, la regista ha scelto come ambientazione per questo

SPECIALE #RFF13 #02– 18/28 OTTOBRE 2018 (DAY 1) – le recensioni di Marina Pavido: 7 Sconosciuti a El Royale

sette storie diverse accomunate dal mistero che le circonda, ma la sceneggiatura non supera l'esame finale (da Roma Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione di Roma Film Fest) Presentato in anteprima – all’interno della Selezione Ufficiale – alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, 7 Sconosciuti a El Royale è l’ultimo lavoro del regista statunitense di Drew Godard, già apprezzato per Quella Casa nel Bosco. Un hotel a cavallo tra la California e il Nevada. Un consierge timido e insicuro, dipendente dall’eroina. E poi, uno dopo l’altro,

SPECIALE #VENEZIA75 #17 – 29 AGOSTO/8 SETTEMBRE 2018 (DAY 6): le recensioni – MAFAK (SCREWDRIVER) di Bassam Jarbawi

(da Venezia Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Biennale di Venezia) Ai Venice Days edizione 2018 un grido alla libertà fuori dal coro: MAFAK (Cacciavite) I Territori occupati da Israele e la interminabile guerra strisciante tra Israeliani e Palestinesi sono da anni a buon ragione temi trattati sia da cineasti palestinesi ed israeliani ma anche da parte di chi vede in tutto questo un attentato alle libertà individuali. Anche quest’anno a Venezia il tema è ripreso non solo nella sezione Ufficiale

SPECIALE #VENEZIA75 #16 – 29 AGOSTO/8 SETTEMBRE 2018 (DAY 6): le recensioni – THE MAN WHO SURPRISED EVERYONE di NATASHA MERKULOVA e ALEKSEY CHUPOV

(da Venezia Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marino Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Biennale di Venezia) Un Tema sempre attuale sulla Morte alla quale l’Uomo inutilmente rifugge nel film THE MAN WHO SURPRISED EVERYONE di NATASHA MERKULOVA e ALEKSEY CHUPOV vince ad ORIZZONTI il Premio Miglior attrice assegnato alla protagonista Natalya Kudryashowa NATASHA MERKULOVA è una giovane regista russa, nata in un villaggio della Siberia, conosciuta, oltre che per diversi corti prodotti negli ultimi dieci anni, anche per il suo primo lungometraggio, realizzato con il marito

Top