SPECIALE 70ma #BERLINALE #1 – 20.02/01.03/2020: (DAY -7):Tanta attesa per i Film Italiani

(da Berlino Luigi Noera con la gentile collaborazione di Marina Pavido- Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Berlinale)

Eccoci di nuovo qui dopo un anno a raccontarvi il Festival Cinematografico più popolare del Vecchio Continente con oltre 400 film in pù di 40 sale in giro per Berlino.

Tra una settimana aprirà la prima edizione diretta dal giovane Carlo Chatrian che ha espugnato il fortino di  Dieter Kosslick con tante novità sul piano organizzativo ma in continuità con l’anima popolare del festival cinematografico europeo che inaugura la stagione del nuovo anno anzi gli anni venti del terzo millennio.

In questo clima di rinnovamento un primo segnale è dato dal manifesto dove il mitico Orso Berlinale non scorazza più per la Capitale, sostituito da un logo Tech che festeggia questo compleanno a tutto tondo.

Inoltre quest’anno, ma solo questo anno, la kermesse sé stata posticipata per dar spazio agli Oscar a loro volta anticipati ai primi di febbraio.

Già sappiamo che  My Salinger Year, scritto dallo scrittore e regista Philippe Falardeau, inaughererà  al Berlinale Palast l a BERLINALE 2020.

Il cast di prima classe del film d’apertura della Berlinale è interpretato da Margaret Qualley, vincitrice del Golden Globe e nominata all’Oscar, Margaret Qualley – recentemente vista a Fosse / Verdon, Seberg e Once Upon a Time a Hollywood – e Douglas Booth (The Dirt).

Il direttore artistico Carlo Chatrian: “Siamo lieti di aprire la 70a edizione del festival con una storia per adulti che prende il punto di vista del protagonista che ha una nuova prospettiva, che non è affatto ingenuo. Philippe Falardeau raffigura il piccolo mondo letterario di New York degli anni ’90 con umorismo e una nota dolce, ma non dimentica mai il 21 ° secolo in cui viviamo o il ruolo unificante che l’arte svolge in tutte le nostre vite. Non vediamo l’ora di dare il benvenuto a Margaret Qualley e Sigourney Weaver e ad altri membri del grande cast e della troupe di Philippe Falardeau. ”

My Salinger Year parla dell’aspirante poetessa Joanna (Margaret Qualley), che lavora come assistente dell’agente letterario Margaret (Sigourney Weaver). Il lavoro di Joanna è rispondere alla mail dei fan dell’autore di culto J.D. Salinger, orgoglio dell’agenzia.

Il regista Philippe Falardeau dichiara  “Sono entusiasta del fatto che My Salinger Year aprirà la Berlinale 2020. Non avremmo potuto sperare in una prima mondiale migliore. In passato, la Berlinale si è aperta con meravigliosi film di registi affermati; inutile dirlo, sono onorato di essere in quella lista. Ho ricordi affettuosi del festival in cui uno dei miei film è stato proiettato alla Generation nel 2009.

Altra notizia è che l’attore Samuel Finzi ospiterà il gala di apertura e la cerimonia di premiazione

“Siamo molto lieti che Samuel Finzi ospiterà l’inaugurazione della 70a Berlinale. Le sue capacità di eloquenza, energia e improvvisazione promettono un inizio divertente al festival ”, affermano Mariette Rissenbeek e Carlo Chatrian.

“In quanto europeo, è un grande onore per me far parte di uno dei festival cinematografici più importanti del mondo. Sono molto felice dell’opportunità di far parte della Berlinale 2020 in occasione del suo 70 ° anniversario e di un nuovo inizio”.

C’è poi l’Omaggio e GOLDEN BEAR alla carriera a Helen Mirren

Il 70 ° Festival Internazionale del Cinema di Berlino onorerà la vincitrice dell’Oscar Dame Helen Mirren con il suo omaggio e le conferirà l’Orso d’oro onorario per la sua carriera.

La cerimonia di premiazione di giovedì 27 febbraio 2020 alla Berlinale Palast includerà la proiezione di The Queen (2006, regia: Stephen Frears).

Helen Mirren non solo è una delle attrici più famose al mondo, ma è stata anche una delle più giovani di sempre a far parte della famosa Royal Shakespeare Company. Nel corso dei decenni, il suo carisma, la sua espressività e la sua gamma come attrice sono stati ampiamente dimostrati in un’ampia varietà di generi.

“Helen Mirren è una personalità forte i cui potenti ritratti sono sempre impressionanti. Ci sorprende più volte con la sua interpretazione di personaggi complessi – che si tratti di Chris in Calendar Girls o della regina Elisabetta II in The Queen, i suoi ritratti sono un paradigma di donne forti, ed è nostro grande piacere premiarla con l’Orso d’oro onorario per il suo successo nel corso della vita “, afferma Mariette Rissenbeek, direttore esecutivo della Berlinale.

I film che saranno proposti nella sezione dell’omaggio:

Her Lover, UK / France / Netherlands 1989, director: Peter Greenaway

The Good Liar, USA 2019, director: Bill Condon

The Last Station, Germany / UK / Russia 2009, director: Michael Hoffmann

The Long Good Friday, UK 1980, director: John Mackenzie

The Queen, UK / France / Italy 2006, director: Stephen Frears

Infine Jeremy Irons sarà il Presidente della Giuria Internazionale della Berlinale 2020 con il suo stile distintivo Jeremy Irons ha incarnato alcuni personaggi iconici che lo hanno accompagnato durante il suo viaggio nel cinema, rendendolo consapevole della complessità degli esseri umani. Il suo talento e le scelte che ha fatto sia come artista che come cittadino mi fanno sentire orgoglioso di dargli il benvenuto come presidente della giuria per la 70a edizione della Berlinale ”, commenta il direttore artistico Carlo Chatrian.

“È con sentimenti di grande piacere e onore non trascurabile che assumo il ruolo di presidente della giuria internazionale per la Berlinale 2020, un festival che ho ammirato per così tanto tempo e che mi è sempre piaciuto partecipare. Essere a Berlino per il festival sarà un piacere offrirmi l’opportunità non solo di ricordare a me stessa quella grande città, ma anche di guardare la selezione dei film scelti quest’anno dal festival, seguito dall’opportunità di discutere i loro meriti con i miei colleghi membri della giuria “, Ha dichiarato Jeremy Irons in merito alla sua presidenza della giuria.

I generi dei film in cui Jeremy Irons ha recitato in ruoli centrali comprendono uno spettro molto ampio. In The Mission (1986), Jeremy Irons ha interpretato il ruolo di un gesuita spagnolo, mentre nell’adattamento cinematografico del famoso romanzo di debutto di Isabel Allende, The House of the Spirits (1993), ha interpretato un ambizioso allevatore. Ha recitato come antagonista nel film d’azione Die Hard: Con a Vengeance (1994), uno dei tre moschettieri nel romanzo The Man in the Iron Mask (1998) e Franz Kafka nel thriller biografico di Steven Soderbergh Kafka dal 1991. Nel 1997. , ha incarnato il protagonista Humbert Humbert nel controverso adattamento cinematografico di Lolita di Adrian Lyne. Jeremy Irons è stato anche attivo nel mondo dei film documentari. Jeremy Irons può attualmente essere visto come Ozymandias nella serie HBO Watchmen.

Ma passiamo adesso ai film italiani presenti a questa edizione BERLINALE 2020 a tutto tondo:

Iniziamo dal Concorso dove tre titoli difendono il tricolore

Favolacce di Fabio & Damiano D’Innocenzo | con Elio Germano, Barbara Chichiarelli, Lino Musella, Gabriel Montesi, Max Malatesta

Siberia di Abel Ferrara | con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac, Daniel Giménez Cacho

Volevo nascondermi di Giorgio Diritti | con Elio Germano, Pietro Traldi, Orietta Notari, Andrea Gherpielli, Oliver Ewy

Ma anche alla Berlinale Special l’Italia è rappresentata da

Pinocchio di Matteo Garrone | con Roberto Benigni, Federico Ielapi, Rocco Papaleo, Massimo Ceccherini, Marine Vacth

Nelle altre sezioni Panorama e Forum tre pellicole da non perdere

Semina il vento di Danilo Caputo | con Yile Yara Vianello, Feliciana Sibilano, Caterina Valente, Espedito Chionna

La casa dell’amore di Luca Ferri | con Bianca Dolce Miele, Natasha De Casto, Dario Bacis, Domenico Monetti, Walter Zombie

Zeus Machine. L’invincibile di David Zamagni, Nadia Ranocchi | con Sergio Fantoni, Paolo Zanfanti, Mirco Zanfanti, Francesca Ricci, Marco Mazzoni

Infine tra gli short due nuovi outsider italiani:

Palazzo di Giustizia di Chiara Bellosi | con Daphne Scoccia, Bianca Leonardi, Sarah Short, Nicola Rignanese, Giovanni Anzaldo

Progresso Renaissance di Marta Anatra | con Tommaso Meloni, Simone Biggio, Daniele Fulghesu

 

Lascia un commento

Top